Il saliscendi frontale posto ad un’altezza superiore a quanto indicato dalla normativa, 50 cm, può causare la riduzione dell’efficacia della barriera d’aria con conseguente possibile inalazione dell’operatore di sostanze poste sul piano di lavoro.

Saliscendi frontale, requisiti e modalità d’uso

Il saliscendi deve essere progettato in modo da garantire la protezione dell’operatore. Esso deve essere trasparente e realizzato in materiale che garantisca un’ottima protezione contro spruzzi accidentali di sostanze. Possono essere usati vetri temperati, vetri stratificati o idonei materiali plastici. Come accennato in precedenza, una delle prerogative più importanti è che deve esser posto ad un’altezza operativa massima di 50 cm. Questo ce lo dice la Normativa UNI EN 14175, che ha lo scopo di tutelare la salute del lavoratore, evitandogli la possibilità di inalare sostanza poste sul piano di lavoro. Infine il saliscendi frontale deve essere dotato di un meccanismo di sicurezza, al fine di impedire l’effetto ghigliottina in caso di rottura di un cavo di sospensione. 

Prestate attenzione alle sostanze poste sul piano di lavoro

Molto spesso la cappa chimica da laboratorio viene utilizzata in modo errato come un vero e proprio ripostiglio: si pensa solo all’ultimo di poter utilizzare veramente come un dispositivo di protezione collettiva quale essa è. E’ necessario sottolineare l’importanza di questa cosa perché tutto il materiale inserito all’interno nella cappa al di fuori di quello che è strettamente necessario per le manipolazioni, potrebbe andare ad alterare la funzionalità del dispositivo di protezione collettiva. La presenza di molto materiale all’interno della cappa, soprattutto se posto in prossimità delle griglie di ripresa, può ostacolare infatti la corretta aspirazione dell’aria causando una riduzione dell’efficacia della barriera frontale e conseguente pericolo per l’utilizzatore ed il laboratorio.

Omicron Italia vi ribadisce l’importanza di rispettare l’altezza consigliata dalla normativa per quanto riguarda il posizionamento del saliscendi frontale. Contattateci per ulteriori informazioni!

Condividi sui Social!

Non ti basta? Vuoi approfondire
ulteriormente l’argomento?

Iscriviti ai corsi di Omicron Italia →

Lascia un commento