Il saliscendi frontale posto ad un’altezza superiore a quanto indicato dalla normativa può causare la riduzione dell’efficacia della barriera, con conseguente possibile inalazione dell’operatore di sostanze poste sul piano di lavoro. Ecco cosa occorre sapere in merito.

Saliscendi frontale

Il saliscendi frontale, con apertura verticale o orizzontale, funge da protezione meccanica dagli eventuali schizzi. La principale funzione? Il saliscendi deve essere in grado di ridurre la superficie di scambio tra la parte interna e quella esterna. Esso deve essere trasparente e realizzato in materiale che garantisca un’ottima protezione contro spruzzi accidentali di sostanze. Possono essere usati vetri temperati o vetri stratificati.

Normativa UNI EN 14175

Cosa prevede la normativa per tutelare la salute del lavoratore, evitandogli la possibilità di inalare sostanza poste sul piano di lavoro? Il saliscendi deve avere un’altezza operativa massima, chiaramente indicata sulla cappa, preferibilmente di 50 cm e deve essere dotato di un meccanismo di sicurezza che impedisca l’effetto ghigliottina in caso di rottura di un cavo di sospensione. Il saliscendi inoltre deve essere progettato in modo da garantire la protezione contro gli spruzzi: i liquidi che si dovessero fermare sul saliscendi non devono fuggire al di fuori dell’area di lavoro. 

Cappe chimiche

Le cappe di aspirazione da laboratorio, comunemente chiamate cappe chimiche, sono i principali dispositivi di protezione collettiva per la tutela della salute degli operatori dal rischio derivante dall’uso e manipolazione di agenti chimici pericolosi. Hanno lo scopo di ridurre alla fonte la concentrazione ambientale di polveri, fumi, gas e vapori di sostanze tossiche che si possono generare durante le attività svolte nei laboratori scientifici di ricerca e didattica e proteggono l’operatore da schizzi, incendi o esplosioni, infortuni e danni alla salute.

Omicron Italia vi ribadisce l’importanza di rispettare l’altezza consigliata dalla normativa per per quanto riguarda il posizionamento del saliscendi frontale. Contattateci per ulteriori informazioni!

Condividi sui Social!

Non ti basta? Vuoi approfondire
ulteriormente l’argomento?

Iscriviti ai corsi di Omicron Italia →

Lascia un commento