Decontaminazione di cabine di sicurezza microbiologica (Secondo norma Uni En 12469 : 2000-annex J)

Cos’è?

Il ciclo di decontaminazione è un processo chimico atto all’eliminazione di microrganismi viventi come patogeni, spore e funghi.

Sulle cabine di sicurezza microbiologica come Cappe Biohazard (MSC I, MSC II e MSC III) è necessario effettuare questo processo prima di eseguire qualsiasi manutenzione all’interno di questa, per evitare la fuoriuscita di microrganismi.

Da Normativa le MSC devono essere sottoposte a decontaminazione nelle seguenti circostanze:

– Prima dell’inizio dei lavori di manutenzione sulla cappa dove l’accesso alla camera interna possa potenzialmente esporre l’operatore e il laboratorio a contaminati;
– Prima di effettuare test di penetrazione del filtro;
– Dopo la fuoriuscita di contaminante dove le superfici inaccessibili possono essere state contaminate.
– Per decontaminazione si intende un processo chimico in grado di distruggere tutte le forme di microrganismi viventi.
La norma Uni En 12469: 2000 spiega il metodo e le sostanze da utilizzare per eseguire il ciclo di decontaminazione su cabine di sicurezza microbiologica e ricorda che questa procedura deve essere eseguita da personale adeguatamente formato, in maniera che vengano ridotti i rischi e sia assicurata la piena efficacia del processo.

La norma consiglia di eseguire la fumigazione con paraformaldeide, in alternativa, si può eseguire con il perossido di idrogeno anche se in alcuni casi potrebbe non essere adeguato.

Il processo deve riguardare l’intera cabina, tra cui filtri, unità di ventola e superfici di lavoro.
L’apparecchiatura dovrà essere rivestita con un involucro e sigillata, sia per garantire l’efficacia del
processo, sia per non disperdere nell’ambiente i vapori immessi.

Al termine del ciclo di decontaminazione la formaldeide è neutralizzata con carbonato di ammonio, evitando l’immissione nell’ambiente dopo la rimozione del rivestimento protettivo.